martedì 26 ottobre 2010

Quali possono essere i motivi che inducono un computer a funzionare lento e a scatti?

Lavorare, giocare o semplicemente navigare con un computer che non è al massimo delle sue prestazioni può risultare veramente noioso ed al limite della insofferenza.

E purtroppo tocca a tutti, con il tempo, di avere a che fare con un PC lento e malmesso.

Occorrerebbe eseguire una periodica azione di manutenzione. Equivalrebbe ad oliare gli ingranaggi di una macchina. Ma, vuoi una mancanza di competenza o una carenza di tempo libero, sembra non esserci mai tempo per una buona e sana manutenzione.


I motivi per i quali un computer funziona lentamente, a scatti o si blocchi soventemente sono:

  • I tanti programmi caricati e la loro destinazione frammentata
  • Problemi legati al quantitativo di memoria e al funzionamento della CPU (sopra il 79% di capacità cominciano i grattacapi)
C'è inoltre da considerare che sempre più spesso gli ingegneri progettano delle applicazioni che richiedono molta memoria proprio durante la fase di avvio del computer. In conseguenza di ciò il PC appare lentissimo. Un vero e proprio pezzo d'epoca.

E come potrei non spendere due parole nei confronti della temperatura. Le alte temperature sono da sempre il nemico numero uno delle prestazioni e del buon funzionamento del Computer.

Occorre, quindi, periodicamente controllare lo stato delle ventole, se la temperatura alla quale il PC funzioni sia quella ottimale e se la polvere si stia tramutando in girini all'interno del case.


Ecco due articoli che potrebbero tornarvi utili:

* La giusta temperatura di un computer e gli strumenti adatti a controllarla
* Tenere pulito il notebook mantiene giovane e pimpante il portatile



Ricordate che il computer va tenuto in un posto ventilato. Stanze “morte” non fanno che rendere più difficile il compito del dissipatore di calore.

Una buona abitudine è quella di eseguire delle periodiche scansioni anti-malware. I virus e altre applicazioni potenzialmente pericolose possono rallentare terribilmente il computer.

Inoltre una deframmentazione ogni 2/3 mesi sarebbe un toccasana per il PC. Infatti l'utilizzo continuo del computer porta con il tempo ad una frammentazione dell'hard disk che cozza con quel processo di sequenzialità che garantisce le massime prestazioni.

Ci sarebbe molto da dire, ma non vogliamo ripeterci troppo. E per questo vi rimandiamo alla lettura di questa guida scritta appositamente per rendere il computer più veloce.

1 commento:

Vi ringrazio per le email ed i commenti di stima ed apprezzamento. Mi scuso in anticipo se non riesco a ringraziarvi tutti di cuore! Alessandro.

Per lasciare velocemente un commento, cliccate su [Seleziona profilo..] e poi su [Nome/URL]. Potete anche non inserire un indirizzo internet e mettere solo il nome :)