© Tutti i diritti riservati e proprietà di computerprogrammi.com

Il Nuovo Hard Disk SATA 2.0 Non Viene Riconosciuto Da Windows Vista

A. Tesla | Chicago – In questo articolo rispondiamo a Vinnie che ci scrive:

Ho recentemente comprato un nuovo hard disk per il mio computer.
E’ un SATA 2.0.
Diciamo che non sono alle prime armi con i PC. In tutti i casi non sono un esperto.
La scheda madre implementata nel mio computer è una Asus IPIBL-TX.
Dovrebbe supportare l’hard disk che ho comprato: un Western Digital Caviar Black WD1001FALS 1TB 7200 RPM 32MB Cache SATA 3.0Gb/s.
Credo di averlo collegato correttamente.
Perchè Vista non lo vede?
Ho guardato in “gestione dispositivi”, ma senza nessun risultato.

Il problema ci è noto.
Visto che la scheda, come riportato sul sito della casa produttrice, supporta il nuovo hard disk e l’unità è nuova (ergo deve essere formattata), suggeriamo di:

1. Assicuratevi che l’hard disk sia collegato al computer in maniera corretta e salda (non premete eccessivamente);

2. Lanciate Windows;
3. Cliccate sullo Start Menù;
4. Cliccate su “Computer” (o risorse del computer in Windows XP) con il tasto destro del mouse;
5. Si aprirà un menù contestuale, selezionate la voce “Gestione”;
6. E’ probabile che vi vengano richiesti dei permessi, concedeteli;
7. Si aprirà la finestra “Gestione Computer”;
8. Doppio click su “Archiviazione”, nella colonna di sinistra;
9. Doppio click su “Gestione disco” nel riquadro di destra;
10. Dopo pochi secondi comparirà una schermata nella quale saranno riportate tutte le unità di massa collegate al PC e la distribuzione della loro capacità;
11. Dovrebbe essere riportato anche l’hard disk che si pensava non fosse stato riconosciuto;
12. Dovrebbe essere senza lettera. Cliccateci sopra con il tasto destro del mouse;
13. Partizionate l’unità. Scegliete quante partizioni creare e di che dimensione. Volendo è anche possibile lasciare dello spazio “non allocato!”;
14. Una volta che avrete stabilito come utilizzare lo spazio del nuovo hard disk, procedete a formattarlo utilizzando il file system NTFS. Potete farlo sempre dalla stessa finestra, cliccando sopra una partizione con il tasto destro del mouse. Suggeriamo una formattazione rapida per evitare di dover aspettare anche delle ore;
15. Fate caso al fatto se sia stata assegnata o meno una lettera alla partizione. Nel caso di riscontro negativo, cliccate con il tasto destro del mouse sulla partizione e poi assegnatele una lettera a piacere cliccando su “Cambia lettera e percorso di unità…”

A questo punto non vi resta che tornare in Explorer (Start -> Computer) e vedere se l’hard disk sia correttamente segnalato ed il suo spazio sia utilizzabile.

Nota
=========
Potrebbe tornare utile controllare che l’unità ottica sia rilevata attraverso il BIOS; che nel bios siano abilitate le porte SATA; che i cavi di alimentazione e dati siano correttamente inseriti e non lesionati.


Chi sono? admin

Mi presento. Sono Alessandro, un appassionato di computer e tecnologie. Nel 2008 ho aperto questo sito internet soprattutto per avvicinarmi al mondo dei blogger e capirne meglio la comunicazione e le potenzialità markettare in Italia (in realtà ho fatto la stessa cosa negli USA, dove ho studiato e dove ho vissuto a lungo). Attualmente (2017) lavoro come Business Developer e CMO, ma la mia passione per i computer e le innovazioni tecnologiche si è conservata integra. Purtroppo con l'età arrivano anche responsabilità sempre più pesanti ed il tempo libero da dedicare oggi al blogging è praticamente zero (anche perchè ho una famiglia numerosa e probabilmente conoscete già la mia dolce metà, Viola, ed il suo impegno in campo sociale con un bellissimo sito internet di salute e benessere - del quale curo la parte tecnica e verso il quale vi indirizzo nel caso in cui voleste mettervi in contatto con me ma non ci riusciate. In altre parole rivolgetevi al vero principale, perché in casa - e fuori - si fa quello che dice Lei :) COMMENTI: ho deciso di lasciare la possibilità di commentare gli articoli per far in modo che voi lettori possiate aiutarvi a vicenda in caso di problemi. In fede, Alessandro Tesla

Un commento

  1. ottima guida molto utile … grazie 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *