© Tutti i diritti riservati e proprietà di computerprogrammi.com

Realizzare un Media Center in casa. Scopriamo cosa serve e perchè non conviene imbarcarsi in questa avventura

Ci scrivono Lillo ed Ale

Ciao Alessandro,

E’ da tempo che volevamo realizzare un computer tutto nostro da utilizzare come Media Center per riprodurre in casa DVD, Blu-ray, canali TV in chiaro e video in streaming estratti dalla RETE.
La nostra idea era quella di inserire tutto in un unico telaio. Ma a parte quella certezza, parecchi dubbi ci hanno fermato.
Puoi dirci qualcosa sull’argomento?
Confidiamo in una tua risposta.

Ciao

Risposta

Il problema principale è sicuramente quello della compatibilità delle componenti hardware d’associare.

Il nostro primo pensiero è stato quello di recuperare (mentalmente. Non abbiamo costruito, o provato a farlo, questo media center) una scheda madre mini-Itx.
Ha una scarsa possibilità di espansione futura. Il loro fattore di forma è di 17 x 17 centimetri.

Spesso e volentieri non è presente una ventola. Il sistema di raffreddamento è di tipo passivo.
Le dimensioni così contenute ci consentirebbero di impiantare una scheda madre mini-Itx praticamente su qualsiasi case a torre o mini torre.

Ma la limitazione di queste schede mini sta nel loro scarso potere di espansione e di stare aggiornate con i tempi.
E’ presente un solo slot di espansione (il più delle volte PCI).
Rare volte vi sono anche degli slot aggiuntivi per le schede passive.

In alternativa alle schede madri mini-Itx è possibile utilizzare quelle microAtx.
Hanno un fattore di forma di 24,2 centimetri x 2,4 cm.
Sono compatibili con lo standard Atx e questo permette loro di utilizzare gli stessi alimentatori, schede di espansione e, perfino, case.
Pure la disposizione dei connettori interni è tale da ridurre a minimi termini le incompatibilità meccaniche al momento dell’assemblaggio.

Tra i due prodotti, quello sul quale ci indirizzeremmo sono le schede madri microAtx.
Il motivo è semplice: è possibile integrare fino a 4 slot Pci e, in questo modo, risulta più flessibile rispetto ad una configurazione con Itx.

Per entrambe, purtroppo, si può far poco per quello che riguarda la grafica. I produttori hanno spinto verso delle soluzioni integrate che avrebbero (ed hanno) permesso di abbattere i volumi e i consumi energetici.
Il gap, tra una soluzione a scheda grafica integrata ed una dedicata, si percepisce soprattutto con i videogiochi in 3D e nella decodifica di filmati in alta definizione.

Tamponare questo problema vorrebbe dire adottare dei processori più potenti. Ma potenza e calore camminano a braccetto. E spesso è impensabile installare un adeguato sistema di raffreddamento all’interno di un case dalle dimensioni risicate.

Un discorso simile lo possiamo fare a proposito dell’unita di massa da scegliere.
E’ quasi sempre possibile installare un solo disco fisso e, un’altra volta si ripropone il problema degli ingombri sterici e del case.

Realizzare con le proprie mani un sistema Media Center è, per tutti i motivi elencati sopra, poco conveniente in economia di tempo e hardware.
Tanto vale acquistare direttamente un lettore multimediale stand-alone.
Non vi è ombra di dubbio che sono prodotti meno versatili rispetto ad un Media Center, però sono di immediata comprensione ed uso.
Sono decisamente la soluzione migliore per coloro che non desiderano in nessun caso inserire nel loro arredo un computer in salone.


Chi sono? admin

Mi presento. Sono Alessandro, un appassionato di computer e tecnologie. Nel 2008 ho aperto questo sito internet soprattutto per avvicinarmi al mondo dei blogger e capirne meglio la comunicazione e le potenzialità markettare in Italia (in realtà ho fatto la stessa cosa negli USA, dove ho studiato e dove ho vissuto a lungo). Attualmente (2017) lavoro come Business Developer e CMO, ma la mia passione per i computer e le innovazioni tecnologiche si è conservata integra. Purtroppo con l'età arrivano anche responsabilità sempre più pesanti ed il tempo libero da dedicare oggi al blogging è praticamente zero (anche perchè ho una famiglia numerosa e probabilmente conoscete già la mia dolce metà, Viola, ed il suo impegno in campo sociale con un bellissimo sito internet di salute e benessere - del quale curo la parte tecnica e verso il quale vi indirizzo nel caso in cui voleste mettervi in contatto con me ma non ci riusciate. In altre parole rivolgetevi al vero principale, perché in casa - e fuori - si fa quello che dice Lei :) COMMENTI: ho deciso di lasciare la possibilità di commentare gli articoli per far in modo che voi lettori possiate aiutarvi a vicenda in caso di problemi. In fede, Alessandro Tesla

2 Commenti

  1. Sicuramente , per le caratteristiche poste dai due lettori , un media player e' il piu' conveniente , ma anche i media player hanno qualche problema di completezza , chi ha dvf-t integrato e chi no chi ha lo slot hdd esterno, insomma chi ha una cosa e chi un'altra , non esiste un media player completo.
    Ormai ci sono schede madri mini itx che ci permettono di vedere filmati in hd , e sicuramente fare un media player o media center completo , ovviamente costera' piu' di un mediaplayer comprato , ma sara' piu' potente , e poi vogliamo mettere a confronto la soddisfazione di autocostruirlo , o di andare in uno store a comprarlo gia' fatto

  2. Io girando per il web ho trovato un blog (http://www.xbmc-italia.it) specializzato per XBMC (XBox Media Center) in italiano che descrive passo passo come poter organizzare un media center da salotto veramente carino … che ne dite è interessante ???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *