lunedì 8 novembre 2010

Panoramica sul REGISTRO di SISTEMA di Windows

Potremmo definire il registro di sistema di Windows come un database che si allarga e si contrae un po' come un polmone mentre respira.

La similitudine è forse poco felice, però le cose stanno in questo modo:

1. Più si utilizza il computer (caricando giochi, programmi, etc...), più il registro aumenta in dimensioni;

2. Se si interviene opportunamente con della manutenzione mirata le sue dimensioni possono essere ridotte;

Alla fine si otterrà un movimento di espansione e contrazione.



Introduzione


Molti di voi si chiederanno cosa sia contenuto all'interno del registro di sistema.
Bene, la risposta è semplice.
All'interno del registro di sistema sono presenti tutte quelle informazioni ed impostazioni che riguardano l'hardware (componentistica fisica del computer), i programmi, i profili utenti e tutte quelle priorità concesse a questa o quella applicazione.

Proprio per questo motivo eseguire una modifica avventata al registro del sistema potrebbe compromettere irreparabilmente la stabilità dell'intero sistema con conseguente perdita di dati ed informazioni.

Un'altra domanda che ci potreste rivolgere è la seguente: “Ma se io non ho mai eseguito un accesso al registro di sistema, come è possibile che ne modifichi le dimensioni aggiungendo chiavi e valori che non conosco?”

Questa è la parte difficile da mandare giù. Infatti, se da un lato è vero che non tutti possono intervenire direttamente sul registro di sistema per apportarvi delle migliorie, appare lapalissiano che tutti (ma proprio tutti) modifichino i parametri e le voci presenti all'interno del registro. E' sufficiente eseguire delle modifiche attraverso il Pannello di Controllo o Criteri di Controllo, System Policies, Security Policy o installando un programma.
E tutte le volte che le informazioni vengono aggiornate, il registro di sistema diventa sempre più grande ed il computer macchinoso e lento.


A nostro modo di vedere le cose, comunque, i problemi legati al Registro di Sistema sono un male necessario. Diciamo questo perchè è proprio attraverso questo splendido strumento che si possono monitorare tutti i processi del Windows e risolvere la maggior parte dei problemi che affliggono il sistema operativo di casa Redmond.
E grazie a dei programmi (che, se volete, a fine articolo vi presento) che chiunque può intervenire sul registro di sistema rimediando ad una eventuale situazione incrinata del Windows che potrebbe portare a crash improvvisi e schermate blu d'errore con conseguente assistenza ed ingente esborso pecuniario al tecnico di turno (che potrebbe passare anche parecchie ore prima di identificare e risolvere il o i problemi).



Ottimizzare il Registro di Sistema è sempre un bene


Una sana manutenzione ed ottimizzazione del registro di sistema porta dei notevoli benefici all'intero computer. Le prestazioni ritornano al livelli ottimali e il livello di stress cala.
Tutto ciò che occorre è un programma che esegua delle periodiche scansioni del registro di sistema alla ricerca di errori e li corregga. Inoltre una deframmentazione dell'hard disk, di tanto in tanto, non sarebbe niente male.

"Ma è necessario ricorrere a degli appositi programmi (Registry Cleaner Software)? Si potrebbe eseguire la manutenzione a mano?"

Nella vita ci sono poche cose indispensabili. Molte, invece, sono utili.

Se non si ha una grande dimestichezza con il PC è proprio inutile avvicinarsi al Sistema di Registro. Come abbiamo detto sopra è un apparato molto delicato ed è meglio che sia solo un Esperto (con la e maiuscola) a mettervi mano. Le operazioni spesso sono complesse e di difficile interpretazione.
Quindi l'uso di un programma realizzato appositamente per la pulizia del registro di sistema è caldamente consigliato.
Nel corso dei nostri articoli ne abbiamo recensiti diversi e ora tenteremo di raggrupparli in un unico articolo riassuntivo, così da darvi una migliore visione d'insieme.


Se volete passare direttamente alla pagina che riporta ben 5 programmi per l'ottimizzazione e manutenzione del registro di sistema, spostatevi in questa sezione: Pulizia del registro di sistema: Programmi per ottimizzare il registro e risolvere i problemi che affliggono Windows.

Se invece desiderate continuare a leggere questo approfondimento sul Registro di Sistema, proseguite pure con la lettura.



Come si presenta il REGISTRO di SISTEMA


Se sapete quello che state facendo e avete deciso di accedere al registro di sistema, non dovete fare altro che lanciare l'esegui (combinazione tasti Win + R), scrivere “regedit” (senza virgolette) e dare l'invio.
E' possibile che vi venga richiesto di inserire una password d'amministrazione o di confermare. Fatelo, se volete procedere.

La prima azione da intraprendere è sempre quella di effettuare un backup del registro di sistema. E' possibile farlo attraverso la barra dei menù alla voce File → Esporta.

Le informazioni del registro sono allocate all'interno dei "file system.dat e user.dat". Li potete trovare alle cartelle Windows\System dopo aver esplicitato che i file nascosti vengano mostrati (è possibile farlo da “opzioni di cartella”).


Ecco in cosa vi imbatterete:





  • Cartella Aperta → Indica la selezione di una cartella, proprio come avverrebbe tradizionalmente su Windows ed un altro elenco ad albero;
  • Cartella Chiusa → Cartella non selezionata;
  • Catena → Il valore String permette di impostare certi valori come quelli che hanno a che fare con la versione di un programma;
  • Binario → Utile per impostare certi attributi a delle applicazioni;
  • Dword → Simile al Binary, ma i valori vengono dati in esadecimale e binario;



Segue adesso una breve descrizione dei percorsi che si possono intraprendere all'interno del registro del sistema:



HKEY_CLASSES_ROOT
==========================
Contiene al suo interno due tipi di dati. Quelli che riguardano i file di testo associati a dei particolari programmi e quelli di configurazione per programmi come COM, Visual Basic o altri software di automazione.


HKEY_CURRENT_USER
==========================
Al suo interno vengono custodite tutte quelle informazioni che riguardano il profilo degli utenti che possono accedere a Windows e che al momento sono “connessi” (cioè hanno effettuato l'accesso al windows).
Allorquando le informazioni su un profilo andassero perse, ne verrebbe caricato uno di default che si trova in System drive \Documents and Settings\Default User (WINNT)\Ntuser.dat


HKEY_LOCAL_MACHINE
==========================
In questo percorso sono custodite tutte quelle informazioni e quei parametri che riguardano l'hardware ed il sistema operativo. Ci riferiamo al bus type, RAM, Hard disk e le impostazioni pre-programmate per il corretto avvio del Windows.


HKEY_USERS
==========================
Questo percorso contiene al suo interno tutti i profili attivamente caricati dal sistema operativo. Si divide a sua volta in:

.DEFAULT → custodisce le informazioni da caricare quando non è selezionato alcun profilo;
.Security Identifier (SID) → permette di caricare tutte le informazioni necessarie al profilo che in quel momento è “loggato” a Windows. I dati sono praticamente gli stessi presenti in HKEY_CURRENT_USER;
.Security Identifier (SID)_Classes suffix → Contiene le classi (struttura di dati che custodisce anche i processi relativi ai dati in questione ) del profilo in uso;


HKEY_CURRENT_CONFIG
==========================
Percorso che non contiene dei dati veri e propri ma un indice delle componenti hardware in uso e consente indirettamente di raggiungere più rapidamente questa o quella informazione.


Nota: con il termine dword (abbreviazione del termine inglese double word) si identifica in informatica una dimensione pari al doppio di una word.
Il valore esatto in bit varia con l'architettura. Infatti, il termine word identifica sia un dato di 16 bit sia il formato di dato base per l'architettura. Nei linguaggi di programmazione una dword solitamente é 32 bit, un'eredità dei processori a 16 bit. Riferita ai processori a 32 bit vale 64 bit (anche se quest'ultimo utilizzo é meno comune e più diffuso tra i progettisti elettronici).

Nessun commento:

Posta un commento

Vi ringrazio per le email ed i commenti di stima ed apprezzamento. Mi scuso in anticipo se non riesco a ringraziarvi tutti di cuore! Alessandro.

Per lasciare velocemente un commento, cliccate su [Seleziona profilo..] e poi su [Nome/URL]. Potete anche non inserire un indirizzo internet e mettere solo il nome :)