© Tutti i diritti riservati e proprietà di computerprogrammi.com

Tastiera Wireless altamente elegante e dal design d’arredo, ma scomoda: Microsoft Arc Keyboard

C’è chi lavora al computer e chi deve pulire. Raramente i due volti son della stessa persona. Chi lavora cerca l’ergonomia. Chi deve pulire la praticità e l’eleganza.
Quindi niente fili, niente oggetti brutti, opachi e che non si abbinano con il resto della casa.
Per loro Microsoft ha disegnato e realizzato la tastiera Microsoft Arc Keyboard, che potete visionare direttamente sul sito della casa di Redmond.

A primo sguardo non sfuggono le sue linee dolci e sinuose, i piedino antiscivolo e la sua semplice portabilità. Ma, e questo non è un aspetto da sottovalutare, l’ergonomia e la praticità d’uso vanno a farsi benedire. Trascorrere un’intera giornata lavorativa a stretto contatto con la tastiera Microsoft Arc è da sadici.

I bordi della tastiera sono di un bel nero lucido. Uno di quelli che trattiene facilmente le impronte. E ancora una volta viene avvalorato il pensiero che la Arc sia una tastiera d’esposizione. Da guardare, ma con la quale non interagire.
Lo spessore è di qualche centimetro (non più di tre).
Con questa silhouette sinuosa la tastiera si inarca ed innalza leggermente al centro. Grazie a dei piedini in gomma resta ferma in un posto.

In pieno accordo con il concetto di leggerezza e portabilità, la Arc adotta una connessione Wireless con ricevitore che funziona 2.4GHz e che una volta terminato l’uso della tastiera può essere riposto sotto d’essa, in un apposito settore opportunamente magnetizzato per non perdere il ricevitore durante un eventuale trasloco della postazione .

Per mantenere delle dimensioni ridotte (12 pollici di lunghezza e 6 di larghezza) è stato necessario sacrificare dei tasti. I tasti di comando F1,F2…Fn sono stati dimezzati e si fermano con il tasto F6. Stessa sorte è toccata ai tasti dedicati al volume. Comunque utilizzando combinazioni di tasti (Ctrl + F1 o F2…Fn) è possibile assolvere ai tradizionali comandi veloci e scorciatoie.

Ma ciò che manca di più in assoluto sono le 4 frecce direzionali. Impossibile non cercarle. Microsoft ha rimpiazzato i classici su, destra, giù e sinistra con un solo bottoncino che troverete nell’angolo di destra, quello in basso. Come sul joypad di una console dovrete usare un cursore per gestire le 4 direzioni. Se non ci siete abituati la situazione potrebbe frustarvi molto.
Anche l’inclinazione della tastiera potrebbe mandare in confusione le vostre dita e potrebbe volerci del tempo prima che l’uso della Microsoft Arc sia scorrevole.

In conclusione la Microsoft Arc Keyboard è una sirena. Mettetela lì dove gli ospiti la possano sentire, ma non toccare. Se usate saltuariamente il computer e siete dei fashion victim potete acquistarla (circa 45 €), altrimenti sarebbe più indicata una tastiera ergonomica e full-size o almeno tradizionale.
Naturalmente da buon italiani amanti del buon gusto occorre abbinare alla tastiera un mouse della stessa linea: il Microsoft Arc Mouse. Ne parliamo nell’articolo Mouse Wireless altamente elegante e dal design avveniristico, ma non ergonomico: Microsoft Arc Mouse.

Chi sono? admin

Mi presento.
Sono Alessandro, un appassionato di computer e tecnologie.
Nel 2008 ho aperto questo sito internet soprattutto per avvicinarmi al mondo dei blogger e capirne meglio la comunicazione e le potenzialità markettare in Italia (in realtà ho fatto la stessa cosa negli USA, dove ho studiato e dove ho vissuto a lungo). Attualmente (2017) lavoro come Business Developer e CMO, ma la mia passione per i computer e le innovazioni tecnologiche si è conservata integra. Purtroppo con l’età arrivano anche responsabilità sempre più pesanti ed il tempo libero da dedicare oggi al blogging è praticamente zero (anche perchè ho una famiglia numerosa e probabilmente conoscete già la mia dolce metà, Viola, ed il suo impegno in campo sociale con un bellissimo sito internet di salute e benessere – del quale curo la parte tecnica e verso il quale vi indirizzo nel caso in cui voleste mettervi in contatto con me ma non ci riusciate. In altre parole rivolgetevi al vero principale, perché in casa – e fuori – si fa quello che dice Lei :)

COMMENTI: ho deciso di lasciare la possibilità di commentare gli articoli per far in modo che voi lettori possiate aiutarvi a vicenda in caso di problemi.

In fede,
Alessandro Tesla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *