© Tutti i diritti riservati e proprietà di computerprogrammi.com

Come pulire lo schermo piatto di un Monitor LCD, senza graffiarlo o danneggiarlo

Pulire un Monitor a schermo piatto è una cosa un tantino diversa rispetto al classico (ed avviato all’oblio) CRT – Tubo a raggi catodici.
Infatti gli LCD non presentano uno schermo in vetro che potete lavare allo stesso modo di altre superfici in vetro presenti nel vostro ufficio o casa.

I monitor a schermo piatto richiedono più attenzioni ed un trattamento particolare, perché i loro display sono molto sensibili e possono graffiarsi o danneggiarsi facilmente.
Quindi sia che si tratti del monitor di un computer o lo schermo del vostro televisore del salone, leggete i consigli che seguono per pulire efficacemente, e senza correre rischi inutili, un monitor piatto LCD.

1. Spegnere SEMPRE il monitor PRIMA DI PULIRLO. Se lo schermo è nero, sarà più facile visualizzare le aree sporche, unte o ricoperte di polvere.

2. Utilizzare un panno asciutto e molto morbido per pulire DELICATAMENTE lo schermo. Si rivelerebbe una gran bella scelta quella di dotarsi di un panno in microfibra come quello per pulire gli occhiali.

EVITARE ASSOLUTAMENTE: fogli di giornale, carta igienica, carta velina, stracci (magliette, camice, etc…). Qualsiasi materiale che non sia “ULTRA-MORBIDO!” potrebbe graffiare con estrema facilità lo schermo.

EVITARE ASSOLUTAMENTE: se la macchia non andasse via NON PREMETE in maniera più vigorosa il monitor. Anche se con un panno in microfibra potreste rovinare i pixel che compongono il display del monitor. Piuttosto provate ad inumidire (NON INZUPPARE!!) il panno con ACQUA DISTILLATA o una miscela al 50% d’acqua distillata ed aceto bianco. Molte aziende vendono piccole bottiglie spray di detergenti speciali per monitor a schermo piatto (da non spruzzare mai direttamente sul monitor, ma sul panno), però la miscela composta d’aceto e acqua è (quasi sempre) altrettanto efficace.

Prodotti da evitare:
Evitate prodotti di pulizia che contengono ammoniaca, alcool etilico, acetone, toluene, acido etilico o cloruro di metile. Queste sostanze chimiche possono reagire con i materiali che compongono lo schermo LCD e renderlo di colore giallognolo o causare altri tipi di danni.
– Pixel bruciati e difettosi: Quando si ha diritto alla garanzia? Posso chiedere la sostituzione? Cosa fare in questi casi?

3. Potete pulire il bordo dello schermo (quella sezione in plastica) con dei detergenti multiuso, ma evitate il contatto con lo schermo. Forse sarebbe meglio adottare un’unica tecnica di pulizia per entrambe le componenti: schermo e bordi.


Chi sono? admin

Mi presento. Sono Alessandro, un appassionato di computer e tecnologie. Nel 2008 ho aperto questo sito internet soprattutto per avvicinarmi al mondo dei blogger e capirne meglio la comunicazione e le potenzialità markettare in Italia (in realtà ho fatto la stessa cosa negli USA, dove ho studiato e dove ho vissuto a lungo). Attualmente (2017) lavoro come Business Developer e CMO, ma la mia passione per i computer e le innovazioni tecnologiche si è conservata integra. Purtroppo con l'età arrivano anche responsabilità sempre più pesanti ed il tempo libero da dedicare oggi al blogging è praticamente zero (anche perchè ho una famiglia numerosa e probabilmente conoscete già la mia dolce metà, Viola, ed il suo impegno in campo sociale con un bellissimo sito internet di salute e benessere - del quale curo la parte tecnica e verso il quale vi indirizzo nel caso in cui voleste mettervi in contatto con me ma non ci riusciate. In altre parole rivolgetevi al vero principale, perché in casa - e fuori - si fa quello che dice Lei :) COMMENTI: ho deciso di lasciare la possibilità di commentare gli articoli per far in modo che voi lettori possiate aiutarvi a vicenda in caso di problemi. In fede, Alessandro Tesla