© Tutti i diritti riservati e proprietà di computerprogrammi.com

Google preferisce Linux e Mac. La casa di Redmond non gradisce più la presenza di Windows in azienda

E’ un duro colpo quello che è arrivato tempo fa alle orecchie della casa di Redmond.
Secondo il Financial Times, infatti, Google starebbe riducendo progressivamente il numero di macchine aziendali che adottano come sistema operativo il tanto diffuso Windows.

La notizia è trapelata da numerosi dipendenti di Google che sono stati intervistati in maniera del tutto anonima.

A quanto pare la società di Mountain View riterrebbe i sistemi Windows meno sicuri rispetto alle alternative (spesso più economiche o gratuite). Sembra che Google attualmente consenta ancora ai suoi dipendenti di scegliere tra un portatile Windows, Linux o Mac OS X. Per quello che riguarda i sistemi desktop, invece, la scelta è da fare tra Linux o Mac OS X. In questo caso Windows sarebbe già stato fatto fuori.
Solo in casi particolari è possibile presentare un’opportuna richiesta da valutare e porre al vaglio dei direttori, perchè Windows possa essere usato anche su postazioni fisse.

Naturalmente Microsoft non ha gradito l’articolo del Financial Times. La casa di Redmond infatti sostiene che anche gli hacker riconoscono l’ottimo lavoro svolto da Microsoft negli ultimi periodi – Stiamo lavorando decisamente meglio della concorrenza.

Che ne dite? Google ha ragione o cerca solo di tagliare i costi d’azienda?


Chi sono? admin

Mi presento. Sono Alessandro, un appassionato di computer e tecnologie. Nel 2008 ho aperto questo sito internet soprattutto per avvicinarmi al mondo dei blogger e capirne meglio la comunicazione e le potenzialità markettare in Italia (in realtà ho fatto la stessa cosa negli USA, dove ho studiato e dove ho vissuto a lungo). Attualmente (2017) lavoro come Business Developer e CMO, ma la mia passione per i computer e le innovazioni tecnologiche si è conservata integra. Purtroppo con l'età arrivano anche responsabilità sempre più pesanti ed il tempo libero da dedicare oggi al blogging è praticamente zero (anche perchè ho una famiglia numerosa e probabilmente conoscete già la mia dolce metà, Viola, ed il suo impegno in campo sociale con un bellissimo sito internet di salute e benessere - del quale curo la parte tecnica e verso il quale vi indirizzo nel caso in cui voleste mettervi in contatto con me ma non ci riusciate. In altre parole rivolgetevi al vero principale, perché in casa - e fuori - si fa quello che dice Lei :) COMMENTI: ho deciso di lasciare la possibilità di commentare gli articoli per far in modo che voi lettori possiate aiutarvi a vicenda in caso di problemi. In fede, Alessandro Tesla