© Tutti i diritti riservati e proprietà di computerprogrammi.com

Cosa fare se si notano dei problemi con i back-up incrementali in Windows 7 – non c’è abbastanza spazio sul disco per eseguire l’azione intrapresa

Da quando ho cominciato a condividere le mie esperienze con voi, vi avrò ripetuto non so quante volte quanto sia importante creare dei backup del proprio sistema. Non importa se siete degli utenti power o novellini. Salvare i propri dati è importantissimo perchè dei driver che danno di matto o la presenza di un virus particolarmente ostico da debellare, etc… possono creare dei problemi talmente gravi da perdere foto, documenti, testi, appunti di lavoro. Ciò può avvenire anche in maniera definitiva.

In questo articolo comunque ci dedicheremo ad un utente che ci legge spesso. Lui ci chiede se conosciamo un rimedio al seguente problema: gli è impossibile effettuare dei backup incrementali con Windows 7 come sistema operativo. Per i profani i backup incrementali sono dei backup che contengono tutti i file cambiati dall’ultimo backup (completo e incrementale). Il backup incrementale è più rapido di quello differenziale ma richiede tempi di restore (procedura per recuperare totalmente i dati) più lunghi poiché è necessario partire dall’ultimo backup completo e poi aggiungere in sequenza tutti i backup incrementali.

Si presta quindi benissimo soprattutto a persone che utilizzano molto il computer e che necessitano di salvare i continui aggiornamenti apportati al proprio sistema. Nel caso dell’utente in questione, si tratta di un fotografo professionista che al posto di salvare puntualmente e manualmente ogni singola foto scattata o modificata, preferirebbe utilizzare un backup incrementale. Lo ha sempre fatto nei Windows precedenti che ha utilizzato. Ma ora ritiene che qualcosa non vada con Windows 7. Tutte le volte che tenta questa pratica, il computer da in risposta un messaggio d’errore. Il seguente – there is not enough disk space to perform the action. Tradotto vuol dire che non c’è abbastanza spazio sull’hard disk per un backup incrementale.

Soluzione

A malincuore devo dire che in questo caso c’è solo una cosa da fare. Cancellare i file più vecchi perchè la mole di traffico o lo spazio risicato dell’hard disk impegnano tutta la memoria disponibile. Si potrebbe fare una sorta di script, per eseguire in automatico la cancellazione dei salvataggi più vecchi.

Una bozza da modificare a seconda delle destinazioni di salvataggio dei file potrebbe essere questa:

rem incramental user account backup

rem delete oldest backup set

rd /s /q I:backupbackup3

rem rename backup sets

ren I:backupbackup2 backup3

ren I:backupbackup1 backup2

ren I:backupbackup0 backup1

rem create latest backup set

xcopy /y /i /e /c /h C:Usersuserfoldername I:backupbackup0

Se vi viene troppo ostico utilizzare questo script, provate ad aumentare la capacità del disco fisso. Per una ulteriore delucidazione potete consultare questa pagina.


Chi sono? admin

Mi presento. Sono Alessandro, un appassionato di computer e tecnologie. Nel 2008 ho aperto questo sito internet soprattutto per avvicinarmi al mondo dei blogger e capirne meglio la comunicazione e le potenzialità markettare in Italia (in realtà ho fatto la stessa cosa negli USA, dove ho studiato e dove ho vissuto a lungo). Attualmente (2017) lavoro come Business Developer e CMO, ma la mia passione per i computer e le innovazioni tecnologiche si è conservata integra. Purtroppo con l'età arrivano anche responsabilità sempre più pesanti ed il tempo libero da dedicare oggi al blogging è praticamente zero (anche perchè ho una famiglia numerosa e probabilmente conoscete già la mia dolce metà, Viola, ed il suo impegno in campo sociale con un bellissimo sito internet di salute e benessere - del quale curo la parte tecnica e verso il quale vi indirizzo nel caso in cui voleste mettervi in contatto con me ma non ci riusciate. In altre parole rivolgetevi al vero principale, perché in casa - e fuori - si fa quello che dice Lei :) COMMENTI: ho deciso di lasciare la possibilità di commentare gli articoli per far in modo che voi lettori possiate aiutarvi a vicenda in caso di problemi. In fede, Alessandro Tesla