© Tutti i diritti riservati e proprietà di computerprogrammi.com

Windows Mail è troppo lento nell’aprirsi. E’ normale? Come accelerare la procedura d’apertura del client di posta elettronica

Dopo l’upgrade da Windows XP a Windows 7 Home Premium sicuramente noterete che alcuni programmi (che sul vecchio sistema operativo funzionavano benone) risultano instabili.
Ma in questo articolo ci dedicheremo a sviscerare il perchè Windows mail impieghi dai 2 ai 3 minuti prima di aprirsi. I precedenti client di posta elettronica come Outlook Express ci impiegavano molto meno tempo. Cosa succede?

Innanzitutto non sentitevi perseguitati dalla cattiva sorte perchè questo “problema” è molto frequente. Lo è tanto, che mi verrebbe quasi da dire che l’apertura lenta di Windows Mail sia una normalità. In realtà non lo è, perchè da veramente fastidio. Quindi vediamo come cercare di ridurre il tempo d’attesa prima che il client si apra.

1. Interazione conflittuale con l’antivirus

La causa più comune del rallentamento di Windows Mail è l’interazione del client con l’antivirus o il sistema di sicurezza installato sul computer. Sono molte, infatti, le applicazioni di sicurezza che hanno platealmente manifestato una certa insofferenza e problemi di integrazione con Vista e, conseguentemente, Windows 7.

Più un programma sfrutta direttamente le funzioni di scansione di un antivirus, o anti-malware in generale, e maggiori sono i nodi che vengono al pettine.
Non per nulla in questo articolo stiamo parlando di un programma che chiede alla suite di difesa di turno se una email porti con se un trojan o un altro file che costituisca pericolo per la stabilità e l’integrità del sistema.

E quindi? Quindi provate a disabilitare la scansione della posta elettronica sia in entrata che in uscita (inclusi gli allegati). Windows Mail dovrebbe riprendere a funzionare normalmente, però dovrete alzare personalmente una forte guardia nei confronti della posta che vi giunge. Non aprite gli allegati senza prima averli ispezionati (avviando manualmente una scansione) e periodicamente (direi una volta ogni 15 giorni o più frequentemente – dipende dall’uso medio che fate del computer) fate fare una bella scansione approfondita al sistema. In più, se state utilizzando una versione a pagamento di qualche software, contattate l’assistenza (settore supporto tecnico) e chiedete degli aggiornamenti che armonizzino il matrimonio tra la suite di difesa ed Windows Mail.

2. Windows Mail bisticcia con Internet Explorer

Per la visualizzazione dei messaggi, Windows Mail si appoggia al browser menzionato al punto 2. Rallentamenti e problemi di Internet Explorer non possono che ripercuotersi sul client di posta elettronica.
L’origine del problema è stata rintracciata nella Restricted Sites List che è una funzione di sicurezza di IE che impedisce al vostro sistema di collegarsi a siti che sono noti per la loro pericolosità. Vengono chiamati centri di diffusione di software malevoli.

Alcuni programmi di sicurezza come gli antispyware (il più utilizzato è Spybot Search & Destroy) possono ampliare questa lista di zone rosse e Internet Explorer non riesce a gestire database molto corposi.
Per cercare di attenuare il problema provate a rimuovere l’aggiornamento “Cumulative Security Update for Internet Explorer KB931768”.

Però devo avvisarvi che questa strategia equivale a rinunciare alla protezione da alcune delle più gravi vulnerabilità del browser di Microsoft. In questo modo sarete più soggetti ad eventuali attacchi mentre state navigando (ed a questo potete rimediare utilizzando un altro browser) o mentre visualizzate i messaggi di posta elettronica.

Perciò vi consiglio di non rimuovere l’aggiornamento sopra citato, ma di effettuare in alternativa un’altra procedura.

Aprite il Registro di Sistema scrivendo all’interno del box di ricerca o attraverso l’esegui (Win + R) e scrivete “regedit.exe”. Qualora vi venisse chiesto di inserire una password o di confermare, inserite la password o confermate.
Vi troverete davanti all’Editor del Registro di Sistema. Effettuate un backup totale o della chiave che andrete a modificare prima di rendere effettiva qualsiasi modifica. Farlo è molto semplice. Basta cliccare su File -> Importa o Esporta -> scegliere la destinazione e poi salvare.

In seguito, attraverso il menù ad albero, seguite il percorso:
Hkey_Local_MachineSoftwareMicrosoftInternetExplorerMainFeatureControlFeature_MiMe_Sniffing
Una volta giunti alla voce “Feature_MiM_Sniffing” dove creare una nuova etichetta. Nuovo -> Valore Dword 32-bit -> datele il nome “winmail.exe” e assegnatele il valore esadecimale 1.

Questa modifica mantiene attivo l’aggiornamento di sicurezza e la Restricted Sites List, ma riduce contemporaneamente il rallentamento di Windows Mail.

3. Windows Mail è troppo intasato

Un’altra possibile causa potrebbe essere il numero esageratamente elevato di contatti all’interno della Rubrica o un eccesso dei messaggi presenti all’interno della casella della posta in entrata o la presenza in archivio di allegati di grandi dimensioni.
In questo caso vi gioverebbe sfoltire il programma da tutti quegli elementi ridondanti che lo appesantiscono. Cancellate i contatti inutili ed archiviate in una nuova cartella i messaggi presenti in posta in arrivo o eliminateli. Infatti la cartella “Posta in arrivo” è aperta automaticamente una volta che cercate di eseguire il client di posta elettronica. Il suo impatto sulla tempistica di apertura del programma è notevole.

4. Errori nel database dei messaggi ed elevata frammentazione

Questa è l’ultima causa di un possibile rallentamento nell’esecuzione di Windows Mail che conosco. Per risolvere eventuali errori o rimediare alla elevata frammentazione è consigliabile utilizzare un utilità come WMutil che potete scaricare gratuitamente al seguente indirizzo. Buon lavoro d’ottimizzazione.


Chi sono? admin

Mi presento. Sono Alessandro, un appassionato di computer e tecnologie. Nel 2008 ho aperto questo sito internet soprattutto per avvicinarmi al mondo dei blogger e capirne meglio la comunicazione e le potenzialità markettare in Italia (in realtà ho fatto la stessa cosa negli USA, dove ho studiato e dove ho vissuto a lungo). Attualmente (2017) lavoro come Business Developer e CMO, ma la mia passione per i computer e le innovazioni tecnologiche si è conservata integra. Purtroppo con l'età arrivano anche responsabilità sempre più pesanti ed il tempo libero da dedicare oggi al blogging è praticamente zero (anche perchè ho una famiglia numerosa e probabilmente conoscete già la mia dolce metà, Viola, ed il suo impegno in campo sociale con un bellissimo sito internet di salute e benessere - del quale curo la parte tecnica e verso il quale vi indirizzo nel caso in cui voleste mettervi in contatto con me ma non ci riusciate. In altre parole rivolgetevi al vero principale, perché in casa - e fuori - si fa quello che dice Lei :) COMMENTI: ho deciso di lasciare la possibilità di commentare gli articoli per far in modo che voi lettori possiate aiutarvi a vicenda in caso di problemi. In fede, Alessandro Tesla