© Tutti i diritti riservati e proprietà di computerprogrammi.com

Netbook di ultima generazione: cosa scegliere e su quale tecnologia puntare – Maggio 2010

Le vacanze estive si avvicinano e molti di voi sentiranno l’esigenza di acquistare un netbook da portare al mare o in agriturismo, per poter navigare e sfruttare questo meraviglioso mondo che è Internet anche quando si è lontani da casa.
L’intento di questo articolo è quello di indirizzare la vostra scelta su prodotti che non siano delle rimanenze di magazzino impellicciate per essere smaltite.

Cari lettori state molto attenti a ciò che comprate perchè i netbook sono ormai giunti alla seconda generazione della piattaforma Intel. La prima ormai è obsoleta e resta sempre inadatta a molte operazioni. Prestazioni basse che non consentono di tenere aperti più di due programmi in maniera dignitosa, gaffe madornali quando si tratta di relazionarsi con pagine web complesse e ricche di contenuti. Insomma equipaggiarsi con un netbook ormai sorpassato non sarebbe un affare.

La nuova piattaforma è nota come Pine Trail. Certamente ha un pò deluso chi si aspettava prestazioni paragonabili ai notebook, però resta sempre migliore del vecchio Atom N270.

Il nuovo Atom N450 è più veloce, ma non lo è in maniera schiacciante.
Anche il sottosistema grafico G3150 offre qualcosina in più rispetto al precedente GMA 950, ma tutt’e due le soluzioni sono DirectX 9 inadatte a gestire video in formato Full Hd (figuriamoci una grafica 3D).

Tanto per non parlare di aria fritta vi propongo dei benchmark che mettono a confronto due netbook. Uno appartenente alla prima generazione ed uno alla più recente. come potrete vedere il miglioramento c’è stato. Ma i valori sono abbastanza distanti dal più economico dei notebook. Infondo lo spazio a disposizione e la necessità di essere qualcosa di diverso dal solito portatile ne inficiano notevolmente le prestazioni.
Tutto dipende da ciò che si chiede al proprio computer. In base alle proprie esigenze ci si indirizza verso un più maneggevole netbook o un notebook tradizionale. Quest’ultimo è più ingombrante, ma le sue prestazioni possono soddisfare a pieno le richieste dell’utenza media (in fondo è sempre e solo una mera questione di prezzo).

P U B B L I C I T A'

Se i toni del discorso restassero questi, mi chiedereste il perchè pagare per un netbook di ultima generazione. I punti da precisare sono due:

  • Non pagare un netbook vecchio per nuovo
  • Per quanto riguarda i consumi il miglioramento è notevole

Rispetto al passato i nuovi netbook consumano notevolmente meno. La durata delle batterie aumenta di conseguenza. Se prima otto ore di autonomia erano solo un miraggio, adesso sono una concreta realtà. E sto parlando di utilizzare il netbook con i soliti programmi d’ufficio, per la navigazione Web o programmi multimediali come la riproduzione di musica e filmati.

Questo traguardo è stato raggiunto grazie all’implementazione del sottosistema grafico e del controller della memoria direttamente nella CPU. In questo modo è stato eliminato uno dei due componenti del chipset.
La compattezza che ne deriva si ripercuote anche sugli ingombri delle componenti, sulla tempistica di produzione e quindi sul prezzo che ribassa.

BenchmarkPrima GenerazioneSeconda Generazione
FutureMark PCMark 05

  1. PC mark score
  2. Cpu score
  3. Memory score
  4. Graphic score
  5. HDD score
Punteggi

  1. 1319
  2. 1420
  3. 1786
  4. 400
  5. 4914
Punteggi

  1. 1360
  2. 1500
  3. 2500
  4. 450
  5. 5209
Maxon Cinebench R10

  1. Cpu singola
  2. Multi Cpu
  3. oneGL
Punteggi

  1. 532
  2. 820
  3. 260
Punteggi

  1. 563
  2. 800
  3. 300
Future Mark 3DMark 06

  1. 1024 x 768
Punteggi

  1. 124
Punteggi

  1. 160

Al momento sul mercato sono presenti dei modelli aggiornati alla nuova tecnologia, modelli completamente nuovi, e modelli vecchi. Vi sconsiglio caldamente di comprare un vecchio netbook ad N270. Il nuovo Pine Trail offre solo vantaggi. Anche il prezzo non è aumentato e con 399 euro vi portate a casa un netbook che il top della gamma, dotato della migliore tecnologia del momento. Scendendo di prezzo (meno di 299) si trovano prodotti meno accessoriati, ma che comunque offrono tutto quello che fa di un computer un netbook: la necessità di navigare ed utilizzare semplici applicazioni d’ufficio in qualsiasi posto.

Certo se qualcuno vi offrisse un vecchio netbook ad un prezzo stracciato (e qui dipende dal modello), cioè molto inferiore dai riferimenti che vi ho dato poco più sopra, allora potreste anche decidere di acquistarlo.

Ad ogni modo controllate sempre che la batteria sia a sei celle e non tre. Quella a 6 dura il doppio (7/8 ore d’utilizzo) della batteria a tre celle (3/4 ore d’utilizzo). Controllate anche l’ergonomia e se il touchpad sia utilizzabile o completamente sacrificato. Provatelo prima di comprarlo. Inoltre un display opaco (e non lucido) vi consente di utilizzare meglio all’aperto il netbook senza troppi problemi di riflessi.

Chi sono? admin

Mi presento.
Sono Alessandro, un appassionato di computer e tecnologie.
Nel 2008 ho aperto questo sito internet soprattutto per avvicinarmi al mondo dei blogger e capirne meglio la comunicazione e le potenzialità markettare in Italia (in realtà ho fatto la stessa cosa negli USA, dove ho studiato e dove ho vissuto a lungo). Attualmente (2017) lavoro come Business Developer e CMO, ma la mia passione per i computer e le innovazioni tecnologiche si è conservata integra. Purtroppo con l’età arrivano anche responsabilità sempre più pesanti ed il tempo libero da dedicare oggi al blogging è praticamente zero (anche perchè ho una famiglia numerosa e probabilmente conoscete già la mia dolce metà, Viola, ed il suo impegno in campo sociale con un bellissimo sito internet di salute e benessere – del quale curo la parte tecnica e verso il quale vi indirizzo nel caso in cui voleste mettervi in contatto con me ma non ci riusciate. In altre parole rivolgetevi al vero principale, perché in casa – e fuori – si fa quello che dice Lei :)

COMMENTI: ho deciso di lasciare la possibilità di commentare gli articoli per far in modo che voi lettori possiate aiutarvi a vicenda in caso di problemi.

In fede,
Alessandro Tesla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *