mercoledì 7 aprile 2010

Programmi di diagnostica per individuare un problema e testare la salute di un computer: 3 risorse gratuite

Tutti gli utenti che hanno a che fare con il computer (e cercano di risolvere in prima persona i problemi del PC) dovrebbero tenere nel cassetto della propria scrivania un kit di pronto soccorso nel caso in cui il computer accusasse degli acciacchi.
Per analizzare lo stato di salute di un PC ed individuare le cause di un eventuale malfunzionamento bastano pochi euro.

Quello che leggerete in questo articolo è come creare un Cd-Rom o un Pen drive Usb di primo intervento.

Ultimate Boot Cd.
Si tratta di una raccolta di utility d'analisi giunte alla versione 4.1.1 e totalmente gratuite.
Scaricate il file ISO che trovate a questo indirizzo e masterizzatelo su un Cd-Rom. La pagina è poco invitante. Potrete trovare il file da scaricare scorrendo verso il basso la pagina. Sotto la scritta Mirror c'è un'immagine che raffigura un hard disk ed una freccia rossa in entrata. Cliccatela per scaricare UBCD.

Purtroppo gli utenti che utilizzano sistemi operativi Windows a 64 bit dovranno accontentarsi della versione Cd-Rom, perchè l'utility - per creare la versione su penna Usb - non funziona sui sistemi a 64 bit.
In alternativa potreste utilizzare un altro computer che utilizza un Windows a 32 bit e creare in pochi minuti una chiavetta operativa.

Una volta che avrete masterizzato il file ISO sul più opportuno supporto di memorizzazione di massa, non dovete fare altro che avviare il sistema dal supporto ed eseguire l'analisi di tutte le componenti del vostro computer. Alla fine otterrete un risultato che vi indicherà chiaramente la causa del malfunzionamento. Se vi sono dei dispositivi che non funzionano correttamente, l'utility ve li segnalerà.

Inoltre se preferite utilizzare l'Ultimate Boot Cd direttamente da Windows, potete farlo scaricando la versione "Ultimate Boot Cd for Windows". I risultati ottenuti, ad ogni modo, non saranno al livello d'accuratezza dei precedenti.


UNetbootin.
Utenti che non hanno difficoltà ad utilizzare Linux possono procacciarsi il programma UNetbootinin, uno strumento veramente molto potente. Scaricate l'applicazione. La creazione del supporto avverrà in automatico: occorrerà avviare il programma, selezionare il tipo di distribuzione e successivamente l'applicazione provvederà al download, distruzione e installazione sul Pen drive dell'immagine da utilizzare come programma di pronto soccorso.
Vi ricordo che se già disponete di un file ISO di una distribuzione Linux potreste accelerare il tempo necessario all'operazione evitandovi l'inutile download di centinaia di dati dalla Rete. Potete consultare questa pagina per il download dell'applicazione.


Windows PE 2.0.

Questo programma è veramente una chicca. In pochi lo conoscono, ma tutti loro lo apprezzano e lo tengono tra gli attrezzi del mestiere.
Si tratta nello specifico di un sistema operativo Windows compatto che si plasma ad una specifica configurazione consentendo all'utente che lo utilizza di accedere al sistema in situazioni d'emergenza.
Windows PE 2.0 fornisce l'accesso (in modalità di lettura e scrittura) alle unità con file system Ntfs. Dispone di un'abbondante libreria di driver sia a 32 che 64 bit, di un supporto alla connettività di rete e permette di eseguire dei programmi sia a 32 che 64 bit.
Creare un supporto di memorizzazione di massa Cd-Rom o Pen drive con questa utility al suo interno è un'operazione che richiede un pochino d'attenzione. Ad ogni modo con il programma viene fornito un manuale che permette di sfruttarne tutte le potenzialità.
Ciò che dovete fare è:

1. Scaricare dal sito della Microsoft il file ISO di Windows AIK che racchiude al suo interno Windows Pe.

Nota: alcuni download saranno disponibili solo dopo che l'utente ha eseguito la convalida della propria versione di Microsoft Windows. Gli utenti dei browser Firefox e Netscape Navigator possono installare un helper, ovvero il plugin di Windows Genuine Advantage, per migliorare il download.

2. Masterizzare l'immagine.

3. Installarla sul computer.

4. Preparare una struttura delle cartelle ordinata e funzionale all'elaborazione dell'immagine finale di Windows PE.

5. Usare il manuale per aggiungere driver specifici che si adattino alla vostra situazione.

6. Predisporre il Pen drive all'uso.

Nessun commento:

Posta un commento

Vi ringrazio per le email ed i commenti di stima ed apprezzamento. Mi scuso in anticipo se non riesco a ringraziarvi tutti di cuore! Alessandro.

Per lasciare velocemente un commento, cliccate su [Seleziona profilo..] e poi su [Nome/URL]. Potete anche non inserire un indirizzo internet e mettere solo il nome :)